RIPORTIAMO L’OMBRA NEI CAMPI

RIPORTIAMO L’OMBRA NEI CAMPI

C’ERA UNA VOLTA…UN ALBERO E LA SUA OMBRA…
Quanti di voi hanno vissuto il piacere di sostare anche solo un minuto all’ombra ristoratrice di un albero, per ripararsi dal sole, ascoltare la brezza che fa cantare le foglie e magari anche perdersi in un sonno ristoratore, sentendosi protetto. Ecco, tutto questo è sempre più difficile da ritrovare, nelle pianure e nei campi con coltivazione intensiva, dove si cerca di spremere tutto, da una terra che magnanimamente concede, ma prima o poi si depaupererà terminando un ciclo produttivo e facendo scomparire la biodiversità.

C’ERA UNA VOLTA…LA COLTURA DEL BUONSENSO…
Nell’ottica del buonsenso e della salvaguardia del territorio, piantare alberi e arbusti a salvaguardia del campo dall’erosione creata dal vento e dall’acqua potrebbe sembrare oggi un’azione insensata, se si guarda solo nell’ottica del tutto e subito, coltivando e arando ogni centimetro possibile; ma esiste una possibilità di tornare all’antico…oggi più moderno che mai. La riforestazione del perimetro dei campi, azione di buonsenso a tutela e salvaguardia di un territorio che non va spremuto ma curato, in quanto vivo e in grado di dare ancora più “valore” in termini di paesaggio, di colore e di cultura, che oggi possono essere messe a valore commerciale, sfruttando appunto la biodiversità che grazie “all’ombra” diventa “prodotto” e “valore” spendibile in un mercato sempre più appiattito dalla produzione globale.

LA FILIERA DELL’OMBRA…
– Difesa della biodiversità
– Recupero seme autoctono
– Produzione prodotti unici
– Valorizzazione di un territorio
– Messa in rete del valore: da un prodotto unico si sviluppa una potenziale filiera corta che attiva e porta vantaggi a chi coltiva e produce, a chi rivende la materia prima, a chi compra la materia prima e la tratta (es. ristorazione), a chi la consuma, visitando il territorio e eventualmente alloggiandoci, scoprendone le radici e ne valorizzi il territorio sviluppando “cultura” e marketing territoriale.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *